Immigrazione clandestina, più controlli nei parchi di Gorizia

lega nord salvini premier gorizia andrea tomasella

Gorizia, 22 luglio 2019

INTERROGAZIONE di Andrea Tomasella

Immigrazione clandestina, più controlli nei parchi di Gorizia

Un caro saluto al sindaco, alla giunta, ai colleghi consiglieri e a tutti i cittadini che seguono i lavori del Consiglio Comunale in quest’aula o con la diretta streaming. Quest’oggi vorrei affrontare un argomento che ho molto a cuore e che ritengo essere fra le più importanti politiche per un’amministrazione in materia di sicurezza: la gestione dei flussi di immigrazione clandestina. In particolare, l’obiettivo di questa mia interrogazione è quello di favorire un’ancora più proficua condotta da parte di questa amministrazione comunale. Il tutto, chiaramente, nell’interesse esclusivo dei nostri concittadini e della nostra amata città.

Premetto che ritengo il lavoro svolto da questa amministrazione coerente e in linea con le proprie competenze per quanto concerne la gestione dei flussi migratori che interessano Gorizia e, anzi, esorto a continuare con questa linea poiché la nostra città merita di non essere più ostaggio di masse di immigrati clandestini che bivaccano e portano impunemente insicurezza sul nostro territorio. A tal proposito, non posso che plaudire alle politiche in materia di immigrazione portate avanti dal Ministro degli Interni, Matteo Salvini, e dal nostro governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, che hanno messo la parola fine al traffico di esseri umani e al business di chi, con l’immigrazione clandestina, guadagnava ingenti somme di denaro a scapito dell’Italia e degli italiani.

Purtroppo, negli anni, anche la nostra città, sotto la pressione della cosiddetta rotta balcanica e con la compiacenza di una certa sinistra profughista, ha pagato un caro prezzo in termini di presenze di immigrati clandestini sul nostro territorio e che, spesso, sono stati, nostro malgrado, protagonisti di innumerevoli e spiacevoli fatti di cronaca che parlano di molestie, risse, spaccio, turpiloqui e, non ultimo, anche violente aggressioni alle forze dell’ordine.

Per cui, dopo queste doverose premesse, intendo entrare più nel dettaglio e affrontare concretamente il tema di questa interrogazione. Andiamo per ordine: nella giornata di ieri 21 luglio 2019, durante una passeggiata pomeridiana presso il Parco della Valletta del Corno, sicuro del fatto che avrei trovato refrigerio grazie ai numerosi alberi e alla vegetazione presente, ho dovuto constatare che probabilmente non ero il solo ad apprezzare l’ombra e la quiete del parco. Infatti, un corposo numero di cosiddetti migranti, composto da circa 20/30 persone, ben organizzate, aveva allestito un campo da volley nel mezzo del parco, attaccando una rete da pallavolo fra un palo della luce e un albero, con tanto di nastro segnaletico bianco e rosso a delimitare lo spazio di gioco. Inutile dire che in tal modo si pregiudicava la pacifica fruizione del parco per tutti quei cittadini che avessero voluto percorrerne i sentieri, approfittando dell’occasione per, appunto, godersi un po’ di ombra e di refrigerio.

Purtroppo, avvenimenti del genere non sono rari nella nostra città, troppo spesso, infatti, mi sono imbattuto in assembramenti di sedicenti migranti accampati nelle aree verdi della città: Parco della Rimembranza, il parco del Castello, i giardinetti di San Rocco, lungo l’Isonzo e al Bosco e al Parco di Piuma, solo per citarne alcuni. Insomma, quotidianamente si assiste ad un numero fluttuante di clandestini che si accampano nelle aree verdi cittadine, quasi come fossero terra di nessuno, alimentando situazioni di degrado, di incuria e di insicurezza.

Devo inoltre aggiungere che reputo tali atteggiamenti un fastidioso sgarbo per tutti quei cittadini, autoctoni e stanziali, che, giustamente, per poter procedere ad organizzare attività simili devono munirsi di permessi, autorizzazioni e che, comunque, si fanno poi carico di garantire che l’area possa tornare ad essere fruibile in totale sicurezza, pulizia ed igiene. Cosa che questi sedicenti profughi non possono garantire, anzi, devo constatare che ogni qualvolta si accampano da qualche parte lasciano immondizie, sporcizia e degrado. Con tutti i costi annessi e connessi che questa amministrazione deve farsi carico per ripristinare una dignitosa condizione di fruibilità.

Tutto ciò premesso,

si interrogano

gli assessori competenti per sapere:

  1. Data l’importanza di garantire il massimo livello di sicurezza sul territorio comunale e considerata la presenza di numerosi presunti profughi sul nostro territorio, se questa amministrazione può intervenire per aumentare i controlli da parte delle forze dell’ordine con particolare attenzione ai parchi pubblici cittadini;
  2. Pur nella consapevolezza che la Polizia Locale è quotidianamente impegnata sul territorio comunale con grande impegno e dispiego di personale, se possibile prevedere delle pattuglie a piedi che controllino i parchi cittadini per prevenire che fatti del genere non abbiano a ripetersi in futuro;
  3. Vista una precedente ordinanza anti-bivacchi che questa amministrazione ha prontamente promosso nei confronti degli accampamenti dei sedicenti profughi che occupavano le aree verdi cittadine, se si ritiene opportuno implementare la medesima ordinanza magari considerando l’opportunità di stipulare un protocollo con la Questura e la Prefettura per attuare dei pattugliamenti misti (Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza) sul territorio che lo tutelino dal punto di vista della sicurezza e del decoro.

Di seguito un riassunto della risposta del sindaco di Gorizia Rodolfo Ziberna:

Per prima cosa il sindaco ha assicurato di aver preso nota della mia segnalazione sull’uso improprio del Parco della Valletta del Corno da parte di un gruppo di sedicenti profughi, pertanto provvederà ad allertare il comandate della Polizia Locale di Gorizia. In secondo luogo, a riguardo dell’implementazione dell’ordinanza anti-bivacchi richiesta con l’interrogazione per aumentare i controlli e la sicurezza delle aree verdi cittadine, ha riferito di aver già provveduto per far in modo che il Parco della Rimembranza, la Valletta del Corno ed i Giardini Pubblici vengano controllati anche attraverso l’ausilio di vigilanza privata, mentre il parco pubblico comunale con i volontari dell’associazione Carabinieri in congedo.

Se volete, fatemi sapere cosa ne pensate di questa interrogazione con un commento. Per me sarà un piacere leggere e poi rispondere. Vi invito a mettere Mi Piace alla mia pagina Facebook e a seguirmi sul mio account Twitter.

Annunci

GORIZIA, MANUTENZIONE VIA MORELLI E VIE SECONDARIE

lega nord salvini premier gorizia andrea tomasella

 

 

 

Gorizia, 03 giugno 2019

 

INTERROGAZIONE di Andrea Tomasella

GORIZIA, MANUTENZIONE VIA MORELLI E VIE SECONDARIE

Buongiorno a tutti gentili colleghi, quest’oggi intendo rivolgere un’interrogazione all’assessore all’Igiene e Tutela ambientale, Verde pubblico, Protezione civile, Patrimonio, Servizi manutenzione edilizie, strade e mezzi comunali e Decoro urbano, dott. Francesco Del Sordi.

Prima delle domande però, ritengo doveroso rivolgere i miei complimenti al medesimo assessore Del Sordi per l’ottimo lavoro svolto in occasione del recente Festival di èStoria, dato che quest’anno abbiamo avuto il piacere di trovare i Giardini Pubblici in perfetto ordine e nel pieno del loro splendore.

Infatti, come alcuni ricorderanno, in più di un’occasione avevo sollecitato la manutenzione di tale parco cittadino, ancor più in concomitanza della manifestazione culturale, poiché rappresenta un vero e proprio biglietto da visita della città per gli oltre 60.000 visitatori che nel fine settimana hanno affollato i Giardini. Dato che, appunto, quest’anno il parco era perfettamente manutenuto ed anche la fontana del Gyulai era stata prontamente pulita e sistemata, sono qui a rivolgere i miei sentiti complimenti all’assessore per l’ottimo lavoro e la grande attenzione dimostrata. Tutto ciò, chiaramente, con l’auspicio che tale attenzione e sensibilità si ripetano anche negli anni a venire. Da questo punto di vista, l’attenzione del sottoscritto non mancherà di certo.

Detto ciò, passo al nocciolo di questa interrogazione.

Parto dicendo che, su indicazione di alcuni residenti della zona, sono qui a segnalare una situazione di disagio e pericolosità presso Via Morelli dovuta al dissesto del manto stradale. In particolare, sussistono diverse criticità legate ad alcuni sanpietrini fuori sede che tendono a saltare nel momento del passaggio di veicoli. Addirittura, uno di questi sanpietrini qualche tempo fa sarebbe saltato ad altezza uomo frantumando la vetrina di un esercizio commerciale ubicato presso la suddetta strada. Se in quel momento fosse passato un pedone, possiamo ben immaginare il più critico epilogo che si sarebbe verificato.

A tal proposito, mi è stato segnalato soprattutto un vistoso avvallamento nei pressi della Croce Verde e poi degli altri più piccoli dislocati lungo la Via Morelli, pertanto sarebbe auspicato il passaggio degli operai del Comune affinché possano rattoppare con il catrame questi avvallamenti. Vi è inoltre un problema inerente ai marciapiedi, infatti presentano anche questi alcune buche molto profonde e pericolose per i pedoni. Se possibile, sarebbe auspicabile un rattoppamento in attesa di più approfonditi lavori di rifacimento e manutenzione di Via Morelli. Non dimentichiamo che la suddetta Via è comunque in una zona centrale della città e diverse attività commerciali vi trovano ubicazione, pertanto sarebbe opportuno valutare una sua riqualificazione per consentirne una fruizione più godibile e al pari delle contigue aree della città.

La seconda ed ultima questione che sono qui a segnalare riguarda invece il controviale di Corso Italia, ovvero quella strada che si raggiunge anche a piedi dalla stazione dei treni tramite la scalinata. Alcuni residenti mi hanno segnalato che il verde residuo dei pini marittimi ha intasato tutti i tombini e quindi, in caso di pioggia abbondante, la suddetta strada è spesso soggetta a situazioni di allagamento provocando non poche situazioni di disagio. Sono a conoscenza che la strada è privata, tuttavia il verde che causa l’otturazione dei tombini proviene dagli alberi di proprietà comunale.

Tutto ciò premesso,

si interroga

l’Assessore competente per sapere:

  1. Se per quanto concerne via Morelli sia possibile provvedere quanto prima ad un rattoppamento straordinario delle buche presenti sul manto stradale e dei marciapiedi;
  2. Se in futuro sia prevista una riqualificazione della suddetta strada;
  3. Quali azioni è possibile intraprendere da parte di questa amministrazione per quanto riguarda la strada privata che porta alla stazione dei treni e prevenire i sopracitati fenomeni di allagamento.

 

Di seguito un riassunto della risposta dell’assessore comunale Francesco Del Sordi:

inizialmente ha ringraziato per il complimenti ricevuti e ha assicurato che sarà sua premura recapitarli anche agli operatori che hanno praticamente svolto i lavori di manutenzione del Giardini Pubblici di Gorizia e della fontana del Gyulai.
A seguire ha rassicurato sul fatto che all’indomani sarà sua premura effettuare un sopralluogo presso via Morelli per verificare l’effettivo stato di degrado del manto stradale e indirizzare al meglio i lavori straordinari di manutenzione. Al che, interpellando il sindaco Rodolfo Ziberna e l’assessore Arianna Bellan, ha preso l’impegno a valutare i migliori strumenti per avviare il percorso che porterà alla riqualificazione di via Morelli e di altre strade del centro città.
Per quanto concerne il controviale di Corso Italia che porta alla stazione dei treni, l’assessore Del Sordi ha confermato che per il Comune è possibile porre rimedio alla questione e quindi, nonostante la strada sia privata ed è quindi prevista una trafila burocratica più intricata, sarà sua cura interessarsi per porre rimedio.

Se volete, fatemi sapere cosa ne pensate di questa interrogazione con un commento. Per me sarà un piacere leggere e poi rispondere. Vi invito a mettere Mi Piace alla mia pagina Facebook e a seguirmi sul mio account Twitter.

PALLACANESTRO, A GORIZIA C’È VOGLIA DI PALLA A SPICCHI

lega nord salvini premier gorizia andrea tomasella
Gorizia, 06 maggio 2019

    INTERROGAZIONE di Andrea Tomasella

PALLACANESTRO A GORIZIA, C’È VOGLIA DI PALLA A SPICCHI

Gentilissimi tutti, ben ritrovati, un cordiale saluto al Sindaco, alla giunta, ai colleghi consiglieri comunali e a tutte le persone che seguono i lavori di questo Consiglio in Aula o con la diretta streaming.

Prima di iniziare, ci tengo a rivolgere i miei complimenti al Sindaco Rodolfo Ziberna e a tutti gli organizzatori che lo scorso venerdì 3 maggio hanno portato Gorizia al centro dello storico incontro fra i rappresentanti di Italia, Austria, Slovenia e Ungheria per ribadire, insieme, che l’Europa può cambiare e tornare ad essere sinonimo di libertà, di crescita e di sviluppo e non più di austerità e diktat calati dall’alto.

Per il sottoscritto, assieme alla seduta di Consiglio comunale congiunta con i colleghi di Nova Gorizia e Šempeter-Vrtojba, è stato sicuramente uno dei momenti più emozionanti e toccanti da quando ho avuto l’onore e l’onere di essere eletto Consigliere comunale a Gorizia. Una giornata che non dimenticherò e in cui Gorizia ha testimoniato, ancora una volta, la grande profondità delle sue radici culturali.

Dopodiché, rivolgo i complimenti all’assessore Francesco Del Sordi per il tempestivo ed efficace intervento effettuato dagli operatori per provvedere allo sfalcio dell’erba nel giardinetto pubblico di Via Generale Papa.
Tuttavia, assessore Del Sordi, auspicando un altrettanto tempestivo ed efficace intervento, le ricordo anche che a fine maggio ai Giardini Pubblici si terrà il festival internazionale della storia di Gorizia “èStoria” e sarebbe auspicabile che per tale occasione i nostri Giardini fossero nel massimo del loro splendore. Ricordo soprattutto la Fontana del Gyulai che l’anno scorso, in concomitanza del Festival, presentò getti d’acqua irregolari e di colore salmastro. Un bruttissimo biglietto da visita per la nostra città.

Detto ciò, quest’oggi ritengo doveroso impiegare i restanti minuti del tempo che ho a disposizione per affrontare un tema tanto caro alla nostra città, che sono consapevole essere già al centro dell’agenda politica di questa amministrazione ma che, in qualità di Consigliere comunale, sento doveroso trattare visto il ruolo collegiale di quest’Aula che auspico possa favorire una riflessione propositiva ed efficace.

Vi dico fin da ora che avrei voluto affrontare questo argomento con maggiore tempestività e quando era attinente con i fatti di cronaca, tuttavia essendoci state poche sedute del Consiglio ed anche senza spazio per le interrogazioni, questa si è rivelata essere la prima occasione utile.

Mi riferisco in particolar modo all’Old Star Game di basket svoltosi lo scorso 24 febbraio in cui è andato in scena lo storico derby fra Trieste e Gorizia. Anche in tale occasione, ancora una volta, la nostra città ha dato prova di grande coraggio, di enorme orgoglio e di smisurato amore.

Personalmente, ho percepito forte il grande entusiasmo per un evento amarcord, una vera e propria festa del basket intrisa di bellissimi e intramontabili ricordi. Da parte di Gorizia, abbiamo avuto un pubblico a dir poco fenomenale che, oltre alle sciarpe, al tifo e ai cori, ha riportato in vista il grande striscione del castello di Gorizia a simboleggiare una realtà che ha ancora tanta fame di palla a spicchi e che può ancora dire la sua e fare bene.

Vedete, io ritengo che in qualità di amministratore sarei in grave fallo se lasciassi che quei sentimenti e quelle emozioni passassero senza dedicare loro alcuna riflessione all’interno di quest’Aula. Chi c’era si è accorto che vi era la stessa passione dei vecchi derby fra biancoblu e biancorossi, con oltre quattromila persone festanti e motivate a ricordare i grandi successi e le sofferenze andate in scena sul parquet dei nostri palazzetti. Se poi vogliamo parlare del risultato, d’accordo, il derby sul campo l’ha vinto Trieste, ma il derby del cuore è andato senza dubbio a Gorizia.

Ribadisco, questa è unicamente una riflessione per sottolineare l’importanza del basket per la nostra città, auspicando possa stimolare ancor più questa amministrazione a mettere in campo tutte le energie per la rinascita della Basket city dell’Isonzo.

E poi mi chiedo, cosa occorrerebbe per poter portare l’Old star game, magari la gara di ritorno, anche nella nostra splendida città?

Sotto le ceneri del basket goriziano la fiamma arde ancora, lo testimoniano le tante persone che da Gorizia sono andate a Trieste e che, in un modo o nell’altro, hanno significato il loro auspicio affinché le istituzioni goriziane contribuiscano a riportare il basket di livello in città. Certo, con la consapevolezza che è una sfida difficile e ardua ma che vale la pena affrontare convintamente, se non altro per rispetto degli oltre cent’anni di storia di basket goriziana e per tutte quelle stelle che, nonostante gli acciacchi, i malanni e l’età hanno tenuto alto il nome di Gorizia, uno dei simboli della pallacanestro italiana.

Di seguito le risposte alla mia interrogazione:

L’assessore allo sport e vicesindaco di Gorizia, Stefano Ceretta, ha confermato la volontà dell’amministrazione a lavorare affinché la gara di ritorno dell’Old Star Game possa in futuro svolgersi a Gorizia. Chiaramente, tutto ciò previa risistemazione del Palazzetto di Via delle Grappate, che ad oggi risulta inutilizzabile e che necessita, appunto, di lavori di adeguamento.
Inoltre, l’assessore Stefano Ceretta ha reso noto che, assieme al sindaco, sono tutt’oggi impegnati affinché si possa dare forma e concretezza al progetto di finanza che possa ridare speranze reali a tutto il mondo cestistico goriziano per riappropriarsi della Casa della Pallacanestro Goriziana.

Per quanto riguarda i Giardini Pubblici e, soprattutto, lo stato di manutenzione della fontana del Gyulai durante il festival di èStoria, l’assessore Francesco Del Sordi ha assicurato che quest’anno la fontana sarà nel massimo splendore.

Se volete, fatemi sapere cosa ne pensate di questa interrogazione con un commento. Per me sarà un piacere leggere e poi rispondere. Vi invito a mettere Mi Piace alla mia pagina Facebook e a seguirmi sul mio account Twitter.

Finanziaria 2019, quale vision politica dell’amministrazione?

 

lega nord salvini premier gorizia andrea tomasella

Gorizia, 17 12 2018

INTERROGAZIONE di Andrea Tomasella
Finanziaria 2019, quale vision politica dell’amministrazione?

Un cordiale saluto al sindaco Rodolfo Ziberna, ai componenti della giunta comunale, ai colleghi del Consiglio e a tutti cittadini che seguono i lavori di quest’oggi con il live streaming o direttamente in quest’aula.

Intendo cominciare questa mia interrogazione rivolgendo dei sinceri complimenti al sindaco Ziberna e quindi all’amministrazione comunale, comprendendo ovviamente anche gli uffici del Comune, per gli ottimi risultati raggiunti con questa prima finanziaria regionale dell’era Fedriga.

In qualità di consigliere comunale, non posso che plaudire al contributo di oltre 1 milione di € previsti per la città di Gorizia nel biennio 2019/2020.

Personalmente, sono convinto che la nostra città ha delle potenzialità ancora inespresse e su cui potremmo investire per far sì che la ripresa economica possa finalmente passare in maniera decisa anche dai nostri territori. Ritengo sia arrivata l’ora di impegnarsi per invertire il paradigma che per troppi anni ha privato la nostra splendida città di una programmazione sul medio/lungo periodo e che ha tarpato le ali allo sviluppo delle sue naturali vocazioni turistico/culturali, ma anche manifatturiero/artigianali e transfrontaliere.

Da questo punto di vista, caro sindaco, dato anche il suo ruolo di presidente dell’Uti Collio-Alto Isonzo, immagino non sia stato facile decidere quali progetti presentare affinché venissero presi in esame dall’assessore regionale agli enti locali Pierpaolo Roberti e poi, eventualmente, fossero anche oggetto di interventi di investimento.

Per quanto ne so, poi mi correggerà se sbaglio, ogni Uti poteva presentare all’assessore regionale un massimo di 10 progetti prioritari e poi, sulla base dell’entità dei progetti e della loro fattibilità, ne sarebbero stati finanziati 3 o 4. Stesso discorso anche per i Comuni fuori dalle Uti, solo che ogni singolo Comune poteva presentare al massimo 3 progetti prioritari.

Sulla base di quanto recentemente approvato, nel biennio 2019/2020 arriveranno 500.000 € per interventi di valorizzazione del castello di Gorizia e del Monte Calvario. In particolare, saranno i settori della cultura e dello sport a poterne beneficiare maggiormente, ma anche tutta la nostra comunità poiché, finalmente, deduco, si riuscirà a porre la parola fine alle tante problematicità legate al nostro splendido castello ed è quindi più che condivisibile l’intenzione di questa amministrazione di porre come prioritaria tale questione.

In secondo luogo, anche i 250.000 € previsti nel 2020 per opere viarie in Piazza Vittoria e Galleria Bombi rientrano in una visione di riqualificazione di un’area, che diciamolo onestamente, meriterebbe molto di più. Una delle più belle piazze della regione, dominata dal Castello e in uno dei quartieri storicamente più suggestivi della nostra città, ha certamente molto da dire e da offrire. Ben vengano quindi degli investimenti che possano contribuire a renderla più attrattiva e fruibile.

Tuttavia, secondo il mio parere, sono meno contestualizzati gli oltre 300.000 € previsti nel 2020 per la riqualificazione dei Giardini Pubblici. Per carità, non mi si fraintenda, sono convintissimo della bellezza dei nostri Giardini e anzi, fu proprio il sottoscritto, in occasione di uno dei festival culturali più importanti della città che interessa proprio il nostro parco pubblico, a stimolare questa amministrazione ad adoperarsi affinché i Giardini, in concomitanza di tale evento, fossero nel massimo del loro splendore.

Ribadisco, a scanso di equivoci, che sono molto soddisfatto per i finanziamenti che sono stati ottenuti, poiché tutto quello che arriva è di supporto alla comunità. Tuttavia, non è chiara la strategia che ha animato la presentazione di questi progetti come prioritari. Qual è la strategia politica che questa amministrazione comunale intende portare avanti? Perché non sono stati accettati anche dei progetti che potessero dare slancio ad altri settori come quelli del commercio, o del manifatturiero o che comunque potessero portare allo stanziamento di nuove attività economiche sul nostro territorio?

Infine, sindaco, una semplice raccomandazione, oramai ci siamo resi conto ancora una volta della totale inutilità delle Uti (perdonate il gioco di parole). Visto anche lo smantellamento delle Uti che questa amministrazione regionale sta portando avanti in favore di un prossimo ente intermedio, la sprono ad essere attivo affinché, appena sarà possibile, la città di Gorizia abbandoni immediatamente il percorso delle Uti, che non ha più senso di esistere. Certo, sono conscio del fatto che come città capoluogo abbiamo in gestione l’incombenza dell’edilizia scolastica, ma, non appena sarà possibile, mi auguro saremo fra i primi ad abbandonarle visto che restare in Uti non è vantaggioso ma, anzi, è qualcosa che peggiora l’azione dal punto di vista amministrativo

Tutto ciò premesso,

si interroga
l’amministrazione comunale per sapere:

  1. Visto il grande supporto economico per la nostra città previsto con la finanziaria regionale del 2019, con investimenti che superano il milione di euro nel biennio 2019/2020, quali sono stati i progetti presentati da questa amministrazione come prioritari;
  2. Dato che, come anticipato, alcuni dei progetti presentati non sono stati oggetto di finanziamento, se c’è da parte di questa amministrazione la volontà di portarli avanti attingendo ad altre risorse economiche, proprie del nostro ente o con altri bandi;
  3. In ogni caso, e chiedo cortesemente di porre il dovuto interesse a questa domanda, qual è la vision politica che ha portato a stabilire prioritari certi progetti piuttosto che altri e che magari avrebbero contribuito a rilanciare la nostra economia e lo sviluppo manifatturiero ed imprenditoriale della nostra città.

Allerta meteo: quali rischi a Gorizia?

lega nord salvini premier gorizia andrea tomasella

Gorizia, 29 ottobre 2018

  INTERROGAZIONE di Andrea Tomasella

ALLERTA METEO: QUALI RISCHI A GORIZIA

Un cordiale saluto al sindaco Ziberna, alla giunta comunale, alle colleghe e ai colleghi consiglieri di maggioranza e opposizione, a tutti i cittadini presenti questa sera e a coloro che ci seguono con la diretta streaming.
Quest’oggi ho ritenuto opportuno preparare questa breve interrogazione per portare a conoscenza dei nostri concittadini gli eventuali dettagli che non fossero ancora stati resi noti circa le difficili e critiche condizioni meteorologiche che interessano il nostro territorio.

Secondo le recenti previsioni meteo, l’ondata di maltempo in atto su tutta l’Italia per effetto di una vasta area depressionaria estesa fra l’Europa centro-occidentale e l’area mediterranea continuerà ad interessare la nostra penisola anche nella giornata di domani.

In particolare, visto che l’ondata di maltempo sta coinvolgendo pesantemente anche il Friuli-Venezia Giulia, dopo il forte e preannunciato impulso di questo lunedì, sono qui a domandare se ci sono ulteriori informazioni che potrebbero tornare utili ai nostri concittadini circa le difficili condizioni meteorologiche e le eventuali criticità che potrebbero verificarsi a Gorizia. Tutto ciò, chiaramente, per consentire di prendere i dovuti accorgimenti per tempo anche in base alle nuove previsioni e all’evolversi dei fenomeni.

Infine, prima di chiudere questa interrogazione con le domande che rivolgerò all’amministrazione, permettetemi di rivolgere un sentito ringraziamento a tutti i volontari e le volontarie che a vario titolo, chi con la Protezione Civile, i Vigili del Fuoco o le forze dell’ordine, in queste ore dedicano il loro tempo per proteggerci, per salvaguardare il nostro amato territorio e per intervenire in caso di necessità, cercando con il loro contributo impagabile di aiutare la nostra comunità.

Sul nostro territorio questi volontari, nonostante le abbondanti precipitazioni, non si sono risparmiati nel fornire soccorso, presidiando le loro sedi, sempre pronti a partire in caso di necessità. In questi giorni ci si rende conto di quanto sia fondamentale poter contare sempre sulla loro opera di monitoraggio e di intervento durante tutto il periodo dell’allerta, informandoci sempre e costantemente sullo stato dell’allerta e sull’evolversi delle condizioni meteo.

Sono riconoscente a queste ragazzi e ragazzi, a queste donne e uomini che, con passione e dedizione, si dedicano con anima e corpo al volontariato per proteggerci, per tutelare il nostro amato territorio e per intervenire in caso si presentasse la necessità, sempre pronti ad aiutare la nostra comunità.

Chiaramente, il senso di questo mio intervento va inquadrato nella volontà di tranquillizzare i nostri concittadini che, magari, aggiornati dai costanti bollettini meteo potrebbero essere allarmati per via di notizie poco chiare o magari poco rassicuranti. Per ciò, in quanto amministratore, ritengo doveroso informarmi e sincerarmi che questa amministrazione stia compiendo tutto ciò che è necessario affinché sia garantita la sicurezza e la serenità per gli abitanti della nostra città.

Tutto ciò premesso,

si interrogano

gli assessori competenti per sapere:

 

  1. Vista anche la grossa entità delle precipitazioni, per evitare anche di essere colti impreparati in presenza di altre situazioni critiche, se ci sono state situazioni di pericolo o episodi critici ed eventualmente cosa è stato fatto per risolverle;
  2. Quali misure possono essere prese in caso di emergenza e se per la giornata di domani è confermata l’allerta arancione sul nostro territorio.

 

Se vi va, fatemi sapere con un commento cosa ne pensate di questa mia iniziativa in aula del Consiglio. Sarà un piacere leggervi e poi rispondervi, inoltre non dimenticate di mettere “Mi Piace” alla mia pagina facebook.com/andtomasella.

Leggete anche: Sicurezza a Gorizia: situazione videosorveglianza in città

Sicurezza a Gorizia: situazione videosorveglianza in città

INTERROGAZIONE di Andrea Tomasella

SICUREZZA A GORIZIA: SITUAZIONE VIDEOSORVEGLIANZA IN CITTÀ

Un cordiale saluto a voi tutti e ben ritrovato al sindaco, alla giunta, ai colleghi consiglieri e ai cittadini che ci seguono in quest’aula o con lo streaming video. Dopo quasi due mesi di pausa dei lavori del Consiglio, ho ritenuto di ricominciare la mia attività di consigliere comunale con un’interrogazione che verterà sul tema della sicurezza in città. In particolare, intendo sottoporre alcune domande all’attenzione di questa amministrazione per conoscerne le volontà di intervento circa l’utilizzo degli strumenti tecnologici adibiti ad incrementare ulteriormente la sicurezza della nostra città.

Ritengo doveroso fare alcune domande per sapere se ci sono le possibilità di prevedere un incremento ed eventualmente la collocazione di nuove telecamere di videosorveglianza a Gorizia. Questo perché, oltre ad aumentare in termini quantitativi, oggigiorno potremmo contare anche su un sempre più alto livello di perfezionamento tecnologico di questi dispositivi e quindi andare proprio in direzione di quel pacchetto di misure che servirebbero ad incrementare ulteriormente la sicurezza dei cittadini, la qualità urbana, il decoro ed il rispetto delle regole nella nostra città.

Considerato anche il fatto che da diversi anni sul territorio comunale possiamo già contare su un sistema di videosorveglianza, che con il passare del tempo è stato via via ampliato e aggiornato, ritengo opportuno sottolineare soprattutto il grande effetto deterrente che questi occhi elettronici hanno per il contrasto all’illegalità, con effettivo beneficio per tutte le nostre zone pedonali, o anche per il controllo dei flussi di traffico autoveicolare o di specifici edifici.

A ciò vorrei aggiungere anche un ulteriore elemento, ovvero sapere se c’è la possibilità di accedere a dei finanziamenti regionali per nuovi acquisti o aggiornamenti della suddetta strumentazione. Non è un aspetto di secondaria importanza, poiché questi apparecchi hanno costi che superano abbondantemente le diverse migliaia di euro ed è chiaro che degli appositi finanziamenti potrebbero costituire un fondamentale contributo sia per dei nuovi acquisti che per l’aggiornamento dei server e dei sistemi attuali, anche per meglio supportare le telecamere di ultimissima generazione che possono contare sull’alta definizione e forniscono delle immagini di alta risoluzione. Inoltre, vista anche l’importanza di questa strumentazione, non possiamo non dire il fatto che anche lo spazio di archiviazione negli ultimi anni è notevolmente cambiato e sui nuovi server sarebbe possibile memorizzare fino a una settimana di registrazione continua, in ottemperanza alle normative vigenti e a supporto anche di eventuali indagini delle forze dell’ordine e quindi a maggior tutela della sicurezza della città.

Per fornire delle risposte operative e concrete nell’ambito del decoro, della sicurezza, della pulizia, della responsabilizzazione e del coinvolgimento dei cittadini, utilizzare delle telecamere che permettano di tenere sotto controllo il territorio 24 ore su 24 ha un effetto deterrente e consentirebbero di stroncare fenomeni di inosservanza delle regole che preoccupano molto i nostri concittadini. Inoltre, l’utilizzo di queste apparecchiature sarebbe certamente un ulteriore e chiaro segnale che a Gorizia non c’è spazio per la criminalità, lo spaccio, i furbetti e altre attività illecite in nessuna area della città e a qualsiasi ora della giornata.

Infine, prima di concludere questa breve interrogazione, concedetemi un excursus ma che rimane sempre sul tema della sicurezza. Quest’oggi ho visto che è stata fatta la conferenza stampa di presentazione del piano sicurezza per la 15esima edizione di Gusti di Frontiera e ci tengo, come consigliere comunale ma anche come cittadino, a rivolgere i miei complimenti per la grande sinergia che questa amministrazione ha saputo creare con le istituzioni del territorio, le forze dell’ordine e le associazioni di volontariato per far sì che tutti possano godersi appieno una manifestazione dal respiro internazionale, che rappresenta uno dei momenti più importanti per la vita della nostra città e che permette di far scoprire o riscoprire a migliaia di persone provenienti da ogni dove la grande bellezza di Gorizia.

 

Tutto ciò premesso,

si interrogano

gli assessori competenti per sapere:

  1. Qual è la situazione attuale dell’impianto di videosorveglianza del territorio comunale di Gorizia;
  2. Quali azioni può intraprendere questa amministrazione comunale per il futuro, sempre in materia di videosorveglianza per la città.

 

Se vi va, fatemi sapere con un commento cosa ne pensate di questa mia iniziativa in aula del Consiglio. Sarà un piacere leggervi e poi rispondervi, inoltre non dimenticate di mettere “Mi Piace” alla mia pagina facebook.com/andtomasella.

Leggete anche: Centro stampa della Gedi a Gorizia, quale futuro per famiglie e lavoratori?

Politiche Giovanili e Fontana del Gyulai – interrogazione del consigliere Tomasella

lega nord salvini premier gorizia andrea tomasella

Gorizia, 05 giugno 2018

INTERROGAZIONE di Andrea Tomasella

POLITICHE GIOVANILI, A GORIZIA GIOVANI PROTAGONISTI // FONTANA DEL GYULAI

Un caro saluto al sindaco, alla giunta, ai colleghi consiglieri e a tutti i cittadini che seguono i lavori del Consiglio Comunale in quest’aula o con la diretta streaming. Quest’oggi vorrei tornare su un argomento che ho molto a cuore e che ritengo essere fra le più importanti politiche per un’amministrazione: quella delle Politiche Giovanili. Nella fattispecie mi auguro che questa mia interrogazione possa servire per stimolare una riflessione sul tema e favorire un’ancora più fruttuosa collaborazione con l’assessorato competente. Il tutto, chiaramente, nell’interesse dei nostri concittadini e dei più giovani soprattutto.

Parto col dire che non intendo spendere fiumi di parole visto che, troppo spesso quando si parla di giovani, c’è troppa retorica e sovente poi queste parole non corrispondono ad azioni mirate e progettualità concrete. Per questo passo direttamente alla “polpa” della mia interrogazione, che riguarderà per la maggior parte l’assessore alle Politiche Giovanili Marilena Bernobich e, infine, c’è anche una piccola (e mi auguro fattibile) richiesta all’assessore Francesco del Sordi.

Non più tardi di venti giorni fa si è tenuta la XIV edizione del festival di èStoria, manifestazione ideata e curata dall’Associazione culturale èStoria. Con piacere devo dire che, come accade oramai dal 2015, anche in questa edizione i giovani sono stati veri e propri protagonisti della manifestazione grazie al sostegno dell’Assessorato alle Politiche Giovanili del Comune di Gorizia che, attraverso il servizio del Punto Giovani, ha gestito puntualmente il “Tavolo delle idee”. Per chi non avesse ben chiaro di che cosa si tratta, posso dire che non è un tavolo vero e proprio, bensì una serie di incontri precedenti al Festival in cui le varie realtà giovanili della città possono esporre le proprie idee e proposte e quindi confrontarsi con l’organizzazione del Festival e l’assessorato competente per valutarne insieme la fattibilità.

Grazie a questa riuscitissima collaborazione fra l’assessorato e l’organizzazione del Festival, oltre al graditissimo ritorno ai Giardini Pubblici della Tenda Giovani, è stata favorita la creatività giovanile, l’espressione dei loro talenti e l’inclusione sociale. Basti pensare che nei quattro giorni di programmazione, oltre 20 associazioni giovanili sul territorio hanno partecipato all’organizzazione di 26 incontri che hanno totalizzato un pubblico di oltre 1500 persone e un notevole successo anche dal punto di vista dei social media.

Per questo, oltreché all’Associazione Culturale èStoria, sento di voler esprimere un sincero ringraziamento al lavoro dell’assessorato che ha riconfermato la fiducia nei giovani presenti sul territorio goriziano e che ha fortemente creduto nei progetti, nelle idee e nelle proposte che questi stessi giovani hanno presentato, e poi realizzato nella Tenda Giovani ma non solo. Sono convinto che promuovere la cittadinanza attiva dei giovani ed in particolare, nelle attività che connotano la nostra comunità cittadina, sia indispensabile per sviluppare valori quali la solidarietà, la coesione sociale, la conoscenza, la comprensione e l’integrazione dei giovani nel tessuto sociale della nostra città. Fattore importantissimo per guardare al futuro con cauto ottimismo.

Sempre restando in tema èStoria/Giardini Pubblici, ci tengo a far notare all’assessore Del Sordi che la fontana del Gyulai non era propriamente in formissima. Il getto a spruzzo dell’acqua era irregolare ed anche l’acqua nella vasca principale non era pulita, con un colore che tendeva più al verde e stagnante che all’azzurro trasparente. Ritengo che questo sia un vero e proprio peccato poiché una parte del fascino dei nostri stupendi Giardini Pubblici deriva proprio dalla fontana centrale e sono convinto che, se curata, aiuterebbe ancor più a donare ai nostri Giardini quello splendore che certamente si meritano in quanto punto di riferimento per la popolazione sia per la vita sociale che culturale.

 

Tutto ciò premesso,

si interrogano

gli assessori competenti per sapere:

 

  1. Dato il grande successo del progetto giovani e dell’efficiente collaborazione con l’organizzazione del Festival di èStoria, se questa amministrazione intende dare continuità all’iniziativa e, in caso positivo, se c’è già un’idea preventiva per il futuro;
  2. Vista la risposta positiva da parte delle realtà giovanili presenti in città, se ritiene che questo tipo di sinergia sia possibile da replicare anche in altre manifestazioni cittadine e se si sta provvedendo a dare organicità a questo tipo di proposta;
  3. Se in futuro sarà possibile provvedere alla manutenzione e alla pulizia della fontana del Gyulai in modo che anche durante il Festival sia nel suo pieno splendore e le migliaia di visitatori che transitano ai giardini in quei giorni possano godersi appieno le bellezze di uno dei Giardini storici e più importanti della nostra città.

 

Leggi anche: Parco Piuma, spazi per affissioni e fontanella di Lucinico: interrogazione del consigliere Tomasella